Riparazione per ingiusta detenzione

Richiesta di riparazione per ingiusta detenzione
Cos’è Chiunque, durante il corso di un procedimento penale ha subito una custodia cautelare dimostratasi ingiustificata per assoluzione, proscioglimento o archiviazione del procedimento a suo carico, può presentare istanza alla Corte d’Appello del distretto ove lo stesso si è celebrato, per ottenere la riparazione dal Ministero dell’Economia e delle Finanze ai sensi degli artt. 314 e 315 cpp con il tetto massimo di euro 516.456,00
Termini per la richiesta La richiesta può essere presentata entro due anni dall’irrevocabilità della decisione.
Chi può richiederlo La domanda deve essere presentata dall’interessato o da un suo difensore munito di procura speciale
Come si richiede

L’interessato deve presentare in cancelleria:

  • la domanda di riparazione del danno da lui sottoscritta o dal difensore munito di procura speciale e 5 copie della domanda senza allegati;
  • la sentenza di assoluzione con l’attestazione dell’irrevocabilità, o decreto di archiviazione con richiesta del P.M.;
  • ordinanza di custodia cautelare con verbale di esecuzione della stessa;
  • verbale di interrogatorio reso a seguito dell’arresto ed eventuali successivi interrogatori o dichiarazione rese all’A.G.;
  • in caso di arresti domiciliari il provvedimento di concessione degli arresti domiciliari e i verbali di arresto e di scarcerazione;

tutti i documenti possono essere depositati in carta semplice e per la loro richiesta non è dovuto alcun diritto di cancelleria

Pagamento della somma liquidata Ogni comunicazione o richiesta in merito al pagamento della somma dovrà essere indirizzata a: “Ministero dell’Economia e delle Finanze – dipartimento dell’Amministrazione Generale del Personale e dei Servizi del tesoro – Serv. Centr. per gli AA. GG. E la Qualità dei Processi e dell’Organizzazione Ufficio XIV–via Casilina 00182 Roma” Tel. 06-47615451 fax 06-47615155
Cancelleria di riferimento Cancelleria per i procedimenti speciali;
tel. 041-5217618
041-5217775
041-5217759
fax. 041-5217751
P.E.C.: estradizioni.ca.venezia@giustiziacert.it
P.E.O.: procspec.penale.ca.venezia@giustizia.it